Archive for the ‘2a giornata’ Category

Riflessioni in pratica

Dopo la prova della giornata di ieri, Attilio Belli propone qualche considerazione sulla formula, sui primi esiti e sugli sviluppi futuri di questa iniziativa.
E sulla produttività del leggere davvero, benché si tratti di una azione difficile.

::

Se la lettura è ben fatta …
di Attilio Belli

Dopo la  seconda giornata di discussione di “Maintenant l’urbanistica”, dei libri di Bianchetti e Perulli, di Attili e Pasqui, sembra possibile fare una prima consolante considerazione sulla formula dell’iniziativa.
Continua a leggere

Annunci

So, what?

circolare90_partE allora? A che serve la ricerca? A che serve, per esempio, sostenere che le popolazioni non sono da qualche parte lì fuori, ma siamo noi che le riconosciamo, a partire dalla osservazione di certe pratiche?
Per certi aspetti — è la tesi di Gabriele Pasqui — si può anche rispondere “allora niente”. Ovvero, si fa ricerca anche solo per capire meglio alcune cose, se ci si riesce. E basta. Senza l’ossessione della utilità immediata  (e  invece, provando a verificare se un programma di ricerca come quello abbozzato nel libro “regge” davvero).

Però, a ben vedere, qualche conseguenza pratica dei discorsi sulle popolazioni c’è. In varie direzioni.
Continua a leggere

Memo. 2a giornata

Vi ricordo che la seconda puntata dell’inizitiva è per giovedì prossimo, 14 maggio, alle 10:00 sempre  nell’aula Gioffredo della Facoltà di Architettura.

Questa volta, l’attenzione è rivolta ai Nuovi soggetti della città e la chiave interpretativa indicata è “la città come nodo di flussi che s’incontrano e faticano a riconoscersi”.
I testi di Giovanni Attili e Gabriele Pasqui (schede nei post più giù) che fanno da spunto per la riflessione  saranno presentati da Laura Lieto e Maria Federica Palestino.  Fa da  discussant  Lidia Decandia. Saranno presenti gli autori  (come si suol dire).

::

Domandina laterale.  Sarà proprio un caso che a parlare di nuovi soggetti siano tre  donne?

Seconda giornata/ Un extra

Laura Lieto e Federica Palestino, che introdurranno il dibattito sui libri di Gabriele Pasqui e Giovanni Attili, approfittando anche della presenza di quest’ultimo, hanno organizzato per il pomeriggio di giovedì 14 maggio la proiezione del prodotto multimediale utilizzato nella ricerca.

attili_esquilino2

L’appuntamento è per le ore 15, nella ex-aula del consiglio del Dipartimento di Progettazione urbana e di Urbanistica (via Forno vecchio 36, scala E o F, V piano).
L’extra è dedicato in modo particolare ai dottorandi, ma come sempre la partecipazione è aperta a tutti.

flyer esquilino (pdf)

I libri della seconda giornata/ Pasqui

i-boo-citta-popolazioni-politiche-large Gabriele Pasqui, Città, popolazioni, politiche, Jaca Book, Milano 2008

::
Leggi gli stralci del volume su Google Books
::

Il libro si occupa dei fenomeni urbani contemporanei attraverso l’incontro con le popolazioni urbane, tematizzate come effetti di pratiche d’uso.
L’autore pone alla base del suo discorso tre domande. Come le politiche possono essere attraversate dalla vita quotidiana e dall’innovazione sociale? Come recuperare una istanza fenomenologica nella descrizione e nel progetto della città? Come rimediare alla rottura dei rapporti tradizionali tra società insediate e territorio?  Il percorso che muove da questi quesiti si articola in più passaggi.

Continua a leggere

I libri della seconda giornata/ Attili

attiliGiovanni Attili,  Rappresentare la città di migranti. Storie di vita e di pianificazione urbana, Jaca Book, Milano 2008

::
leggi gli stralci del volume su Google Books
::

I fenomeni migratori sono oggi in crescita e ciò causa trasformazioni sempre più rilevanti dei luoghi e delle città. «Le città divengono coacervo di differenze, contraddizioni, conflitti». Il nomade è allora, secondo Attili, colui che resiste all’omologazione, aprendosi in maniera creativa alle trasformazioni, andando a rompere le rigide armature che imprigionano la disciplina urbanistica. L’obiettivo dell’urbanistica, secondo l’autore, è «la ridefinizione dell’abitare dell’uomo nel mondo mediante l’interazione con altri orizzonti disciplinari».

Continua a leggere