Archive for the ‘landscape urbanism’ Tag

Memo 3a giornata

mosaico_piastrellePoche righe, solo per ricordare che domani (giovedì 21 maggio), sempre nell’aula Gioffredo della Facoltà di Architettura  dalle 10 alle 13.30, ci sarà la terza puntata del ciclo:  Nuove figure della città: mosaici.

Si parla di polifonie urbane (fragili, latenti) e  di visioni d’insieme prendendo spunto da tre libri che — in modi molto diversi,  come potete vedere dalle schede qui sotto — discutono di paesaggio e territorio. O forse di paesaggi, al plurale.

I  testi di Pizzo, Samperi e Zanfi saranno presentati da Biagio Cillo e Michelangelo Russo. Poi, a mettere carne a fuoco,  come si dice, insieme con con gli autori/autrici (ché questa volta c’è anche una signora), ci sarà Arturo Lanzani.
Infine, con  riferimento alle questioni sollevate da questo post (e relativi commenti),  ci piacerebbe che il dibattito riuscisse a mettere al centro il tema scelto anche più dei contenuti proposti dai singoli volumi.  E che sul tema, appunto, si confrontassero molte e diverse teste, dal vivo (nonostante l’aplomb dell’aula Gioffredo, magari più immaginato che reale: quando c’è consiglio di facoltà quello spazio è animatissimo) ma pure qui.

Annunci

I libri della terza giornata/ Sampieri

cover sampieri Angelo  Sampieri, Nel paesaggio, Donzelli, Roma 2008

Dopo le prime pagine del denso libro di Sampieri, ci si potrebbe chiedere se non sarebbe stato meglio definire preliminarmente l’oggetto del discorso, estirparlo dalla prateria teorica dove “tutto è paesaggio”, fornendone una propria definizione sulla quale successivamente intendersi.
La risposta arriva, però, qualche pagina dopo, nel capitolo sulla dimensione comunicativa del paesaggio. Nella varietà di riviste e contributi teorici che si muovono attorno a questo tema, viene riconosciuta una sfocatura di fondo, un’incertezza definitoria, un’idea a volte vaga — o astutamente vaga — di paesaggio che tuttavia, di contro, aiuta a comprendersi, apre la discussione, accoglie contributi che concetti univocamente definiti rifiuterebbero improvvidamente.

Continua a leggere