Archive for the ‘urbanistica’ Tag

I libri della sesta giornata / Palermo

pcp_possibilePierCarlo Palermo, I limiti del possibile. Governo del territorio e qualità dello sviluppo, Donzelli, Roma 2009

Il testo fornisce una sintesi evoluta di alcune delle principali tesi dell’autore, che si colloca in una posizione critica e riflessiva rispetto a un ampio spettro di posizioni disciplinari, letteratura e casi concreti.
Egli ricostruisce in una forma volutamente sintetica e asciutta (talvolta deliberatamente tranchant), una panoramica della pianificazione dagli anni ’60 ad oggi, sintetizzando e richiamando alcuni dei principali contributi teorici già espressi in testi precedenti. Rispetto ai quali qui aggiunge riflessioni e commenti a sostegno della necessità di fare i conti con i limiti del possibile, entro una cornice di necessaria etica della responsabilità, indispensabile per governare efficacemente i processi di trasformazione.

Continua a leggere

Annunci

Riflessioni in pratica

Dopo la prova della giornata di ieri, Attilio Belli propone qualche considerazione sulla formula, sui primi esiti e sugli sviluppi futuri di questa iniziativa.
E sulla produttività del leggere davvero, benché si tratti di una azione difficile.

::

Se la lettura è ben fatta …
di Attilio Belli

Dopo la  seconda giornata di discussione di “Maintenant l’urbanistica”, dei libri di Bianchetti e Perulli, di Attili e Pasqui, sembra possibile fare una prima consolante considerazione sulla formula dell’iniziativa.
Continua a leggere

Riflettendo sui percorsi formativi

Per gli appuntamenti di domani, 2 post, più giù

Tra i temi trattati nella prima giornata, emerge quello della formazione nel contesto italiano. Tra gli ospiti presenti alla tavola rotonda, ne hanno parlato soprattutto Roberta Amirante e Alessandro Balducci.

Roberta Amirante — da presidente del corso di laurea a ciclo unico di Napoli, ma anche da persona che si occupa di progetto urbano alla architetto, come dice nell’intervento — si è posta e ha posto soprattutto domande intorno al nocciolo dell’urbanistica, partendo da nodi  di comune interesse per le diverse tradizioni disciplinari presenti nelle facoltà di Architettura.

Sandro Balducci — che  sui percorsi formativi innovativi riflette in e con le pratiche da oltre dieci anni, e che può contare sulla esperienza maturata nel contesto particolare del Politecnico di Milano — ha ripercorso le diverse vite del corso di laurea  in Urbanistica e pianificazione di là, mettendo in luce  le opportunità offerte da quel pluralismo della formazione che è  caratteristica originale  italiana.

Da entrambi gli interventi, infine, spunta  il tema della responsabilità (Amirante) e della apertura al mondo (Balducci).
Perché si può avere una certa fiducia — e non solo pensare che “le cose ci stanno crollando sotto i piedi”, per dirla con Balducci — se l’università riesce (ancora, o di nuovo) a formare persone  in grado di intendere (e trattare ) la domanda che viene dalla società.
A quella  domanda — sostiene invece  Alberto Clementi — oggi, gli urbanisti italiani, nonostante il raffinato dibattito teorico (o proprio  in ragione di esso?)  non sembrano  in grado di rispondere.
O almeno, questo è il fantasma che sembra profilarsi quando si guarda a molte delle vicende  recenti, dal piano casa a L’Aquila.

Tavola rotonda iniziale

Alla tavola rotonda iniziale, introdotta da Attilio Belli,  hanno partecipato, come da programma, Roberta Amirante, Alessandro Balducci, Alberto Clementi, Carlo Donolo e  Chiara Mazzoleni. Poi, nel pomeriggio, prima della discussione sui due volumi, c’è stato l’intervento differito di Piero Properzi, che era rimasto a lungo bloccato nel traffico napoletano.
Di seguito, potete leggere l’intervento introduttivo di Belli.

::

Maintenant: per un nuovo ciclo
Intervento di Attilio Belli

Sarò molto rapido. Quali sono i motivi  che ci hanno indotto a prendere questa iniziativa?

C’è anzitutto un’intenzione semplice, didattica, che viene dall’interno del nostro dottorato di ricerca, che è quella di fornire uno stimolo ai dottorandi:  un invito ad andare oltre le specifiche bibliografie delle tesi, a tenersi costantemente informati,  a  cercare di capire quanto sta succedendo al nostro sapere, all’esito delle nostre pratiche (abbiamo costruito insieme un piccolo repertorio di libri, spesso di giovani autori, significativi, dal quale abbiamo selezionato i quattordici libri che discuteremo); e anche fornire un contributo e uno stimolo alla Scuola di dottorato della Facoltà di Architettura, e all’intera Facoltà, per rendere il nostro apporto meglio identificabile.  E per considerare insieme le prospettive della formazione in urbanistica e pianificazione territoriale.

Continua a leggere